Pandoro Senza Lievitazione

Il Pandoro Senza Lievitazione è una validissima alternativa al classico Pandoro che omette tutti i tempi di lievitazione. Realizziamolo insieme con poche e semplici mosse!

pandoro-senza-lievtazione
Difficoltà Media
Preparazione 20 minuti
Cottura 35 minuti
Dosi Per 6 persone
Costo Nella media

Il Pandoro è senz’ombra di dubbio, insieme al Panettone, il dolce principe delle Festività Natalizie. Realizzare in casa un pandoro richiede molto tempo, maestria e dedizione se volete ottenere un risultato simile a quello che viene realizzato artigianalmente: ecco perché oggi abbiamo deciso di condividere con voi la ricetta del Pandoro Facile e Veloce Senza Lievitazione!

La preparazione che andremo a prendere in esame oggi presenta gli ingredienti base che servono per realizzare la classica versione del dolce originario di Verona ma omette tutti i tempi di lievitazione: vi assicuriamo che il risultato finale sarà un pandoro che, servito durante la Cena della Vigilia, il giorno di Natale o durante gli altri giorni delle Feste di Fine Anno, lascerà a bocca aperta tutti i vostri commensali grazie al suo gusto irresistibile e alla sua inconfondibile morbidezza!

Se avete a disposizione più tempo le ricette del Pandoro Fatto in Casa, del Pandoro Farcito e del Tiramisù con il Pandoro vi aspettano ma ora, dopo questa breve introduzione, preparate gli ingredienti e il vostro grembiule, si cucina il Pandoro Senza Lievitazione!

– Ingredienti per 6 persone

– Come Fare il Pandoro Senza Lievitazione?

  1. Per realizzare il Pandoro Senza Lievitazione iniziate lavorando con uno sbattitore elettrico all'interno di una terrina i sei tuorli delle uova insieme allo zucchero. Tritate la scorza di mezza arancia facendo attenzione a non arrivare alla parte bianca e mettetela da parte: ottenete quindi con uno spremiagrumi il succo d'arancia, passatelo attraverso un colino in maniera tale da eliminare eventuali impurità e raccoglietelo all'interno di un contenitore.
  2. Riprendete ora il composto di uova e zucchero: continuando a lavorare il tutto con lo sbattitore elettrico aggiungete a filo della bacinella l'olio di semi, il succo con la scorza d'arancia, il latte ed infine la farina precedentemente setacciata a più riprese in maniera tale che riesca ad agglomerarsi per bene al resto degli ingredienti e mescolate fino a quando non avrete ottenuto un composto denso, liscio ed omogeneo.
  3. All'interno di una bacinella montate a neve i sei albumi con un pizzico di sale e aggiungeteli, una volta pronti, alla crema precedentemente realizzata. Abbiate cura di incorporarli delicatamente e mescolando per bene dal basso verso l'alto con una spatola da cucina in maniera tale da non smontare gli albumi: aggiungete quindi il lievito vanigliato e, sempre utilizzando la spatola, agglomerate anch'esso al resto degli ingredienti.
  4. Ottenuta una crema densa e priva di grumi trasferitela all'interno di uno stampo per pandoro precedentemente imburrato ed infarinato abbondantemente: ponete il tutto in forno a 175°C per circa 35 minuti e fate cuocere il pandoro. Una volta pronto sfornatelo e lasciatelo raffreddare all'interno dello stampo per mezz'ora circa, capovolgetelo quindi sopra una gratella e sformatelo solo quando sarà completamente freddato. Cospargete infine il Pandoro Senza Lievitazione con dello zucchero a velo e servitelo ai vostri ospiti.

– Varianti e Alternative

Potete aggiungere all'interno della preparazione dell'impasto per realizzare il pandoro delle gocce di cioccolato e renderlo così ancora più gustoso ed irresistibile. Inoltre, vi consigliamo di arricchire le vostre fette di Pandoro con una delle nostre Creme per Farcire il Pandoro e il Panettone!

– Consigli

Non abbiamo particolari consigli da darvi se non quello di seguire passo passo e con attenzione ogni passaggio di questa ricette ottenendo così un Pandoro Senza Lievitazione praticamente perfetto.

– Come Conservare il Pandoro Senza Lievitazione

Conservate il Pandoro Senza Lievitazione all'interno di sacchetti di plastica per alimenti oppure sotto una campana di vetro per al massimo tre giorni.