Cartellate

Dolci, friabili e aromatiche, le Cartellate sono un tipico dolce della tradizione pugliese, perfetto da servire nel periodo natalizio.

Difficoltà Media
Preparazione 30 minuti
Cottura 10 minuti
Dosi Per 28 cartellate
Costo Nella media

Quando si parla di tradizione, i dolci sono davvero importanti perché legati a ricette di famiglia custodite gelosamente. Le Cartellate pugliesi, o Carteddàte in dialetto locale, sono proprio un tipico dolce legato al Natale e diffuso in tutta la regione. Composte da ingredienti semplicissimi quali la farina, l’olio e il vino bianco, per la loro preparazione bisogna arrotolare su se stessa, circa ogni 6 cm, una striscia finissima di pasta arabescata fino a creare una rosa che andrà fritta in abbondante olio d’oliva caldo.

Le Cartellate prendono il loro nome dalla tradizione cristiana: la loro forma dovrebbe ricordare un’aureola e le fasce di lino che avvolgevano il bambino Gesù, oppure grazie alla forma dentellata, la corona di spine della Passione.
Ogni famiglia pugliese custodisce con grande cura la sua ricetta delle Cartellate, ognuna con i propri segreti e le proprie varianti, ma la tradizione narra di giornate nel periodo natalizio in cui diverse famiglie si riunivano per condividere le proprie ricette e istruire le nuove generazioni sulla corretta manualità per creare delle Cartellate sottilissime, dalla forma inconfondibile e dal sapore caratteristico.

L’origine di questo dolce tipico pare abbia radici antichissime, risalenti perfino all’antica Grecia. Senz’altro troviamo traccia delle Cartellate già nel 1517, quando a Bari in occasione dello sposalizio di Bona Sforza, furono consumate durante il banchetto matrimoniale.

Servite tradizionalmente con il ‘vincotto‘, realizzato grazie al mosto delle uve pugliesi Negroamaro e Malvasia cotto con spezie e aromi, le Cartellate hanno moltissime varianti per essere gustate che prevedono il miele, la frutta secca e perfino il cioccolato.
Qualunque sia il modo in cui decidiate di servirle, preparare le Cartellate pugliesi di certo renderà più tradizionale il vostro pranzo di Natale e sarà un gustoso e croccante fine pasto, ideale per questa festa così antica e gioiosa. Il successo è garantito!

Se volete altri spunti per realizzare ricette natalizie non lasciatevi sfuggire le nostre 30 Ricette per il Menu della Vigilia di Natale e non perdete il delizioso Panpepato, il Torrone Morbido Fatto in Casa e il Pandoro Farcito!

– Ingredienti per 28 cartellate

– Come Fare le Cartellate?

  1. Per preparare le Cartellate iniziate facendo scaldare in un pentolino l'olio extravergine d'oliva e il vino bianco fino alla temperatura di circa 35°C. All'interno di una ciotola ponete la farina precedentemente setacciata e versatevi sopra il composto di vino e olio: impastate il tutto aiutandovi con le mani fino a quando non avrete ottenuto un panetto compatto e uniforme. Ricoprite l'impasto con della pellicola trasparente e fatelo riposare per una mezz'oretta a temperatura ambiente.
  2. Una volta ultimato il tempo di riposo appiattite il panetto sul vostro piano da lavoro e passatelo quindi all'interno di una macchina tirapasta fino a quando non avrete ottenuto una sfoglia di 2 millimetri di spessore. Utilizzando una rotella dentellata ricavate dall'impasto delle strisce lunghe circa 35 centimetri e larghe 3 centimetri.
  3. Unite i lati corti di una striscia di pasta fra di loro e create delle conche separate 4 centimetri l'una dall'altra. Avvolgete su se stessa la striscia formando una rosa e avendo cura di unire l'impasto in alcuni punti in modo tale che non si apra nel momento di friggerlo. Ripetete l'operazione per tutte le strisce che avete ottenuto e, una volta create tutte le cartellate, fatele riposare su un piano ricoperte da un canovaccio pulito per almeno cinque ore o, se potete attendere, per tutta la notte.
  4. Arrivato il momento di friggere fate raggiungere all'olio la temperatura di 170°C e cuocete poche cartellate alla volta. Ogni rosa di pasta avrà bisogno di friggere 4 minuti per lato prima di essere scolata e messa ad asciugare su una grata forata in modo che rimanga fragrante.
  5. All'interno di un pentolino scaldate leggermente il vincotto: fatevi bagnare poche cartellate per volta in maniera tale che si bagnino da entrambi i lati, riponetele su un piatto da portata e servite le Cartellate immediatamente!

– Varianti e Alternative

Se volete rendere le Cartellate più appetibili per i bambini potete sostituire il Vincotto con il Miele.

– Consigli

Se non avete una macchina tirapasta potete semplicemente realizzare le vostre Cartellate utilizzando un matterello.

– Come Conservare le Cartellate

Potete conservare le Cartellate crude per una settimana. Se invece le avete già cotte potete conservarle per qualche giorno in una tortiera oppure in un sacchetto per il pane.

Lascia un commento