Come Fare il Soufflé

Scopriamo insieme tutti i segreti e i trucchetti per sfornare un Soufflé perfetto che non si sgonfia, caratterizzato da una crosticina croccante e da un cuore soffice e cremoso.

Come Fare Il Souffle

Caldo e delizioso, il Soufflé è una di quelle preparazioni che fanno gola proprio a tutti, ma con cui difficilmente ci cimentiamo in cucina, vista l’accortezza che ci vuole per prepararlo a regola d’arte. Ma se vi dicessimo che non è poi così difficile Cucinare un Soufflé?

In questa guida vedremo come preparare un soufflé perfetto tenendo conto di tutti i passaggi e i trucchetti utili che lo facciano gonfiare in maniera perfetta, creando quel contrasto irresistibile tra la crosticina esterna, fragrante e dorata, e il cuore fondente.

Pronti a cominciare? Dunque trasferiamoci in cucina e scopriamo insieme tutti i segreti per sfornare un Soufflé Perfetto!

Caratteristiche del Soufflé

Il soufflé è un tipico piatto tanto amato quanto insidioso da preparare, una ricetta semplice negli ingredienti, ma che sa mettere alla prova anche gli esperti in cucina.

Le caratteristiche principali di un soufflé perfetto sono la sottile crosticina esterna e il cuore morbido e alveolato. Questo effetto si ottiene “gonfiando” il semplice composto di una frittata.

Montando gli albumi e cuocendo il soufflé in forno, l’aria inglobata all’interno della preparazione fa gonfiare il composto, raddoppiando così il suo volume iniziale.

Proprio per questo motivo in francese questo piatto viene chiamato omelette soufflè, ovvero frittata gonfiata.

Quali Stampi Utilizzare per il Soufflé

Che decidiate di preparare un soufflé dolce oppure un soufflé salato, gli stampini in cui cuocerlo faranno la differenza.

Prima di ogni cosa preferite sempre degli stampi monoporzione, perché è più facile che il soufflé si gonfi nella maniera corretta e che non scenda una volta sfornato.

Optate per degli stampini alti e dritti, in modo che il soufflé abbia la possibilità di crescere durante la cottura.

I materiali migliori per cuocere un soufflè perfetto sono sicuramente la ceramica o il vetro pyrex.

Gli stampini per il soufflé andranno sempre imburrati molto bene prima di versarvi il composto di uova e cuocere in forno.

Come Fare il Soufflé

La preparazione di un soufflé dipende molto anche dagli ingredienti che vorrete aggiungere, ma la base prevede sempre di dividere i tuorli dagli albumi.

In genere i tuorli andranno incorporati agli ingredienti principali della ricetta, mentre gli albumi dovranno essere montati a neve morbida e aggiunti alla preparazione solo come ultimo passaggio prima della cottura.

Nei soufflé salati spesso si parte dalla preparazione di una Besciamella a cui poi aggiungere i tuorli e a piacere salumi, formaggi e verdure, come ad esempio nei nostri Soufflé di Broccoli e Gorgonzola e infine gli albumi montati.

Nei soufflé dolci in genere si parte dalla preparazione di una crema simile alla Pasticcera con tuorli, zucchero, maizena e latte, a cui poi aggiungere ingredienti a piacere come il cioccolato fuso, dei pezzetti piccoli di frutta spadellata o della purea di frutta cotta. E come di consueto l’ultimo passaggio sarà l’aggiunta degli albumi montati.

Come Cuocere il Soufflé

Souffle In Forno

Una volta pronto l’impasto e versato negli stampini ben imburrati, siete pronti per la cottura. Questo è forse il passaggio più delicato perché è proprio in Forno che il soufflé si gonfierà, decretando la riuscita o meno del piatto.

Per prima cosa rimuovete dal forno la leccarda e lasciate solo la griglia che posizionerete a un terzo di altezza.

Poi preriscaldate il forno ad almeno 10-20 gradi in più di quelli previsti, in questo modo quando andrete ad aprire il forno per infornare i soufflé la temperatura non scenderà troppo.

Infatti se la temperatura fosse troppo bassa il soufflé si gonfierebbe ma non avrebbe modo di rapprendersi e cuocersi all’interno, dunque potrebbe sbordare dallo stampo. Se al contrario la temperatura fosse troppo alta, la crosticina esterna verrebbe a formarsi troppo in fretta impedendo così al soufflé di gonfiarsi.

Riempite gli stampini per 2/3 dell’altezza e inseriteli all’interno di una teglia per facilitare le manovre quando infornerete e sfornerete i soufflé.

Posizionate la teglia al centro della griglia e procedete con la cottura. Ricordate di non aprire mai il forno prima che la cottura sia ultimata, perché lo sbalzo termico farebbe sgonfiare subito i soufflé.

Come Cuocere il Soufflé nel Forno Elettrico

Per cuocere il soufflé nel forno elettrico per prima cosa preriscaldatelo a 220 gradi e impostate la Modalità Statica.

Quando infornate i soufflé abbassate la temperatura a 160-180 gradi, cuoceteli per i primi 10 minuti in modalità statica, poi passate alla modalità ventilata per il restante tempo di cottura.

Il ricircolo di aria di questa modalità favorirà la crescita del soufflé e la formazione di una crosticina esterna croccante e di un cuore più morbido e cremoso.

Il forno elettrico è ideale per la cottura dei soufflé perché mantiene bene l’umidità degli alimenti durante la cottura.

Come Cuocere il Soufflé nel Forno a Gas

Cuocere il soufflé nel forno a gas è leggermente più insidioso, ma con qualche accortezza è possibile comunque sfornare dei soufflé perfetti.

Per prima cosa sappiate che la cottura dovrà essere fatta a Bagno Maria, perché il forno a gas tende a far evaporare maggiormente l’umidità degli alimenti.

Con il forno a gas la cottura del soufflè deve avvenire a una temperatura intorno ai 160-170 gradi per un tempo di 35-40 minuti.

La cosa da tenere a mente con il forno a gas sono le frequenti oscillazioni di temperatura, dovute alle riprese del bruciatore quando la temperatura si abbassa.

Dunque infornate i soufflè a media altezza solo quando il bruciatore si sarà stabilizzato sulla fiamma di mantenimento. Qualora doveste sentire riaccendersi il bruciatore, abbassate la temperatura per evitare di bruciare i soufflé.

Per evitare intoppi, il nostro consiglio è di utilizzare un Termometro da cucina in modo da avere sempre sott’occhio la temperatura interna del forno, regolandola di conseguenza.

Come Capire se il Soufflé è Cotto

Come accennato in precedenza non è consigliabile aprire il forno per controllare la cottura dei soufflè. In linea di massima ci vorranno circa 20-25 minuti in forno e potrete capirne il grado di cottura con l’osservazione.

Infatti un soufflè è pronto quando presenta una bella crosticina dorata e croccante e l’interno non è più liquido ma è diventato cremoso.

Dunque aprite il forno dopo aver aspettato il giusto tempo di cottura: se i bordi sono ben sodi e il centro è leggermente tremolante (a denotare la cremosità dell’interno) allora siete pronti per sfornare i vostri soufflé.

Come Evitare che il Soufflé si Sgonfi

Souffle Al Formaggio

La prima cosa da tenere a mente se non si vuole sfornare un soufflè sgonfio è non aprire mai il forno nei primi 20 minuti di cottura.

Per quanto la tentazione di controllarlo sia forte e vi sembri che si sia già formata una bella crosticina in superficie, non aprite il forno, perché l’interno potrebbe essere ancora troppo liquido e lo sbalzo termico farebbe inevitabilmente sgonfiare il soufflè.

Un altro errore molto comune è quello di montare gli albumi a neve ferma. In realtà per far sì che il soufflè gonfi in maniera uniforme rimanendo sodo ma cremoso, gli albumi devono essere soffici e una volta uniti al composto questo deve risultare piuttosto fluido.

Consigli per un Soufflé Perfetto

Ricapitolando vediamo insieme gli ultimi consigli e accorgimenti da tenere a mente per sfornare un soufflè perfetto e che non si sgonfia.

Burro

Gli stampini da soufflé dovranno essere ben imburrati e il burro dovrà essere a temperatura ambiente e di consistenza cremosa in modo da spalmarsi bene su tutte le parete.

Dopo di ché gli stampini andranno spolverizzati con pan grattato o parmigiano per i soufflé salati, oppure con cacao o zucchero per i soufflé dolci.

Non utilizzate la farina, perché in cottura assorbirebbe in maniera eccessiva l’umidità del composto.

Albumi

Come detto gli albumi dovranno essere montati a neve, ma non ferma, in modo da permetterne la crescita in cottura e andranno aggiunti solo come ultimo ingrediente della ricetta, incorporandoli con movimenti dall’alto verso il basso per non smontare il composto.

Forno

La temperatura in cottura dovrà essere sempre costante e bisognerà evitare ogni sbalzo termico per evitare che il soufflé si sgonfi. A questo proposito ricordatevi sempre di non aprire mai il forno durante i primi 20 minuti di cottura.

Ingredienti

Gli ingredienti dolci o salati che vorrete aggiungere al vostro soufflé dovranno essere tagliati in pezzi molto piccoli, in modo da incorporarli in maniera omogenea al composto e non impedirne la crescita durante la cottura.

Quando Servire il Soufflé

Il soufflé va servito immediatamente, appena sfornato. Infatti con il raffreddamento tenderebbe comunque a sgonfiarsi rimanendo più denso e compatto. E anche la crosticina esterna perderebbe consistenza.

Inoltre la prelibatezza di questa preparazione sta proprio nel contrasto tra la crosticina croccante e il cuore più soffice e cremoso, apprezzabile solo appena sfornato.