Torta Giulio

Una base di Pasta Frolla al Cioccolato farcita con Caramello Salato e Ganache al Cioccolato Fondente: ecco come preparare la Torta Giulio di Ernst Knam.

Ricetta Torta Giulio
Difficoltà Media
Preparazione 40 minuti
Cottura 20 minuti
Raffreddamento 120 minuti
Dosi Per 8 persone
Costo Nella media

La Torta Giulio è sicuramente la più famosa ed amata Torta al Cioccolato di Ernst Knam. Dedicata a uno dei suoi quattro figli, Giulio appunto, è un vero e proprio tripudio di Cioccolato. Dopo esser stata protagonista di una puntata di BakeOff, la Torta Giulio di Knam ha conquistato tutti e, se non siete abbastanza fortunati da poterla gustare direttamente nella sua pasticceria milanese, non vi resta che prepararla in casa.

L’unica insidia che si cela nella Ricetta della Torta Giulio di Ernst Knam è il Caramello Salato. Per il resto altro non è che una base di Crostata al Cacao, preparata con la Pasta Frolla, farcita con Ganache al Cioccolato.

Se siete alla ricerca di altre Ricette di Dolci al Cioccolato non perdetevi anche la Tartellette con Cioccolato e Cuore di Mou e la Crostata al Cioccolato e Caramello Mou!

– Ingredienti per 8 persone

– Come Fare la Torta Giulio?

  1. Per preparare la Torta Giulio cominciate dalla pasta frolla. In una ciotola lavorate il burro con lo zucchero e i semi della bacca di vaniglia (per prelevarli è sufficiente inciderla per il lungo e raschiarli con la punta del coltello).
  2. Unite quindi l'uovo, il lievito, la farina, il cacao e il sale e impastate velocemente con le mani in modo da formare un panetto omogeneo. Avvolgetelo nella pellicola e riponetelo in frigorifero per almeno un paio di ore.
  3. Nel frattempo preparate il caramello salato. Mettete lo zucchero in padellino grande dal fondo spesso e fatelo caramellare a fiamma media, per cui significa che dovrà assumere il classico colore ambrato senza però bruciarsi.
  4. A parte, scaldate la panna e unitela al caramello facendo cuocere il tutto a fuoco medio per qualche minuto. Per evitare che si formino grumi mescolate con una frusta da cucina per tutto il tempo.
  5. Spegnete ora la fiamma e aggiungete il burro e il sale, sempre mescolando in modo da amalgamare bene tutti gli ingredienti. Una volta ottenuto un composto omogeneo, tenete da parte il caramello salato.
  6. Per preparare la ganache al cioccolato fondente scaldate la panna in un pentolino quindi unite il cioccolato tritato al coltello e mescolate in modo che si sciolga. Tenetela momentaneamente da parte.
  7. Recuperate la pasta frolla e stendetela fino a 3 mm di spessore. Trasferitela in una teglia per crostata di 22 cm di diametro e rifilate i bordi in modo da renderli lineari.
  8. Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta, coprite con un foglio di carta forno e riempite l'interno con delle sfere da cottura. Procedete ora con quella che si chiama cottura in bianco, utile per ottenere un guscio di pasta frolla senza farcitura.
  9. Cuocete la pasta frolla per 15 minuti a 175°C in forno ventilato, quindi sfornate. Rimuovete sia le sfere che la carta forno e proseguite la cottura per altri 5 minuti.
  10. Sfornate la pasta frolla e, quando sarà completamente fredda, versate sul fondo il caramello salato. Trasferite in freezer per 1 ora.
  11. Versate poi la ganache al cioccolato e rimettete in frigorifero per un'altra ora.
  12. Passato questo tempo togliete dal frigorifero, decorate con dei granelli di sale grosso a piacere e servite la Torta Giulio!

– Varianti e Alternative

Gli intolleranti al glutine potranno preparare la Pasta Frolla senza Glutine aggiungendo un cucchiaio di cacao amaro all'impasto. Potranno così assaporare la Torta Giulio Senza Glutine.

– Consigli

Preparate la Torta Giulio anche con un giorno di anticipo e conservatela in frigorifero: in questo modo sarete certi che al taglio la struttura del dolce reggerà.

– Come Conservare la Torta Giulio

La Torta Giulio si conserva in frigorifero per 3-4 giorni sotto l'apposita campana per dolci. Vi consigliamo di tirarla fuori dal frigorifero almeno un'ora prima di consumarla.

Lascia un commento