Tacchino di Natale

Il Tacchino di Natale è un secondo piatto di carne servito durante il Cenone della Vigilia o il pranzo di Natale. Vediamo ora come realizzarlo facilmente!

tacchino-di-natale
Difficoltà Media
Preparazione 30 minuti
Cottura 240 minuti
Dosi Per 8 persone
Costo Nella media

Il Tacchino di Natale, come possiamo intuire dal nome, è un secondo piatto di carne servito solitamente durante il pranzo di Natale o il Cenone della Vigilia. L’usanza di portare in tavola questo piatto durante le ricorrenze importanti trae ispirazione dalla tradizione americana in quanto, durante il giorno del ringraziamento, nelle case di tutti gli abitanti degli Stati Uniti viene servito il Tacchino Ripieno del Ringraziamento.

Sebbene sia una ricetta diversa, quella che vi proponiamo oggi è la nostra versione del Tacchino di Natale arricchito con dello squisito e fantastico Ripieno Fatto in Casa. Il risultato finale riuscirà a soddisfare anche i palati più esigenti e sopraffini dei vostri commensali assicurandovi così un successo garantito.

Se siete in cerca di secondi piatti con i quali imbandire la tavola durante i giorni delle Festività Natalizie vi consigliamo di provare anche l’irresistibile Cappone Ripieno al Forno o il classico Cotechino con Lenticchie. Altre pietanze davvero irresistibili sono presenti all’interno del nostro Menù di Natale! Ora basta tediarvi con le parole, vi lascio alla preparazione di questa fantastica ricetta che è il Tacchino di Natale!

– Ingredienti per 8 persone

– Come Fare il Tacchino di Natale?

  1. Per preparare il Tacchino di Natale iniziate dalla realizzazione del ripieno: dopo aver tagliato la mortadella a pezzettini private le salsicce dal loro budello e, all'interno di una pentola contenente dell'acqua, fate bollire le castagne per circa 15 minuti. Unite il macinato di vitello, il macinato di manzo, le salsicce tritate grossolanamente e la mortadella fatta a pezzetti in una ciotola abbastanza capiente.
  2. Dopo aver aggiunto le uova e un bel po' di Parmigiano grattugiato amalgamate il contenuto della bacinella con l'utilizzo delle mani o di un cucchiaio e lavorate l'impasto fino a quando non avrete ottenuto un composto compatto e omogeneo. Con l'aiuto di una mezzaluna tritate finemente i rametti di rosmarino, le foglie di salvia, la cipolla e il prezzemolo unendo infine questo trito al macinato.
  3. Dopo aver sbucciato accuratamente le castagne, riducetele in piccoli pezzetti aggiungendo così anch'esse al composto presente nella terrina: aggiungete del pangrattato, salate e pepate a piacere e aggiungete una spolverata di noce moscata per insaporire ancora di più il tutto. Rimestate infine la farcia in maniera tale che gli ingredienti si mischino in maniera omogenea.
  4. Dopo aver oliato e salato per bene l'interno del tacchino, riempitelo con l'impasto appena ottenuto avendo cura di non metterne troppo: così facendo non rischierete che fuoriesca durante la cottura dato che le carni tenderanno a restringersi. Una volta ultimato questo procedimento richiudete il tutto con dello spago da cucina e un ago avendo premura di legare cosce e ali al corpo del tacchino. Coprite infine con della carta stagnola le ossa sporgenti in maniera tale che non si strineranno durante la cottura.
  5. Oliate e imburrate una pirofila da forno non troppo grande, ponetevi all'interno il tacchino e spennellatelo con abbondante burro fuso salandolo infine a piacere. Preriscaldate il forno. Il tacchino dovrà cuocere per un totale di circa 4 ore: infornate la pirofila a 200°C per la prima mezz'ora, abbassate poi l'elettrodomestico a 180°C e proseguite con la cottura ricordandovi di bagnare le carni ogni 45 minuti con del vino bianco secco o del brodo vegetale in maniera che non si secchino e restino così particolarmente tenere. Se vi doveste accorgere che il tacchino è troppo colorito copritelo durante l'ultima ora di cottura con della carta stagnola.    
  6. Una volta sfornato attendete qualche minuto prima di iniziare ad affettarlo: tagliate per prima cosa una delle cosce in modo da riuscire ad ottenere delle fette con il ripieno in maniera facilitata. Servite infine il vostro Tacchino Ripieno di Natale al Forno!

– Varianti e Alternative

Potete farcire il Tacchino Ripieno di Natale al Forno con il ripieno che meglio ritenete adatto sostituendo gli ingredienti presenti all'interno della nostra ricetta con quelli che maggiormente preferite!

– Consigli

Servite il Tacchino Ripieno di Natale al Forno con un contorno davvero irresistibile: delle Patate al Forno e un piatto di Polenta fumante sono perfetti per accompagnare questa fantastica pietanza!

– Come Conservare il Tacchino di Natale

Il consiglio è quello di consumare il Tacchino Ripieno di Natale al Forno al momento ma, in caso di necessità, potete conservarlo in un contenitore ermetico all'interno del vostro frigorifero per un giorno circa. Inoltre, il giorno seguente alla preparazione, potete per esempio realizzare delle fantastiche polpette con la polpa disossata del tacchino.