Stinco di Maiale al Forno con Patate

Se siete amanti della carne e della buona cucina non potete assolutamente perdervi questo fantastico piatto che abbina lo Stinco di Maiale al Forno alle Patate!

stinco-di-maiale-al-forno-con-patate
Difficoltà Facile
Preparazione 20 minuti
Cottura 60 minuti
Dosi Per 2 persone
Costo Molto basso

L’abbinamento di questi due ingredienti, Stinco di Maiale e Patate, richiama nell’immaginario collettivo popolare il periodo invernale, le domeniche passate a pranzo in casa della nonna e, perché no, la tavola imbandita a tema per le Feste di Natale.

Se siete amanti della Carne e della buona cucina non potete assolutamente perdervi questo fantastico piatto che abbina lo Stinco di Maiale al Forno alle Patate: nonostante questa ricetta non presenti particolari attenzioni da seguire per una corretta realizzazione, l’unica cosa di cui dovrete realmente armarvi sarà di tempo.

Sì, perché la cottura del Maiale deve avvenire in modo lento in maniera tale da ottenere una carne tenera e ricca di gusto, ma non sarà uno spreco di tempo ed energie, perché mentre lo Stinco cuoce in forno con le Patate potete dedicarvi alla preparazione di altri fantastici piatti come la Polenta oppure le Cipolline in Agrodolce. Vi lascio ora alla ricetta dello Stinco di Maiale al Forno con Patate, davvero fantastico!

– Ingredienti per 2 persone

– Come Fare lo Stinco di Maiale al Forno con Patate?

  1. Per preparare lo Stinco di Maiale al Forno con Patate iniziate lavando le erbe aromatiche e proseguite con l'asciugarle. Aiutandovi con una mezzaluna tritate finemente il rosmarino, le bacche di ginepro e la salvia e mettetele da parte all'interno di una ciotola. Sciacquate le patate sotto l'acqua corrente e, senza privarle dalla buccia, tagliatele in due oppure in quattro in base alle loro dimensioni, cercando di ottenere dei pezzetti ugualmente grandi in modo da uniformare la successiva cottura.
  2. Mettete in un mixer le carote, l'aglio, il sedano e la cipolla. Azionate l'elettrodomestico e, una volta che avrete ottenuto un composto finemente tritato, versatelo all'interno di una casseruola dai bordi alti precedentemente irrorata con un filo d'olio. Fate rosolare il tutto mentre private lo stinco dalle parti grasse evidentemente visibili e, una volta pronto, aggiungete anche la carne di suino all'interno della padella.
  3. Fate dorare lo stinco su tutti i lati, insaporite con il trito di erbe aromatiche, salate e pepate a piacere, poi aggiungete le foglie di alloro, versate il vino rosso e mescolate il tutto attendendo che la parte alcolica evapori completamente. Infine versate l'acqua. Fate cuocere le patate per 10 minuti coprendo la pentola con un coperchio. Attendete che l'acqua si asciughi completamente e che le patate risultino tenere senza però rompersi.
  4. Conclusa la cottura all'interno del tegame mettete lo stinco e le patate all'interno di una pirofila da forno e infornate a 180°C per mezz'ora circa. Se la carne dovesse seccarsi troppo durante questa fase aggiungete dell'acqua e girate in modo tale che prosegua con una cottura uniforme.
  5. Il tempo di cottura varia a seconda della grandezza dello stinco, ma la carne sarà sicuramente pronta quando avrà una temperatura di 58°C e le patate risulteranno tenere. Una volta pronta la carne trasferite la pirofila dal forno direttamente alla vostra tavola e servite lo Stinco di Maiale con Patate ancora caldo!

– Seguici su YouTube!

Guarda altre Videoricette

– Varianti e Alternative

Potete insaporire il vostro Stinco di Maiale con Patate e renderlo ancora più morbido e succoso facendolo marinare per una notte intera nel Vino Rosso con delle Spezie.

– Consigli

Per controllare la temperatura dello Stinco potete aiutarvi con un termometro per alimenti in maniera tale da rendere ancora più facile il tutto. Per girare lo Stinco durante la cottura non utilizzate mai una forchetta, ma preferite una pinza da cucina.

– Come Conservare lo Stinco di Maiale al Forno con Patate

Potete conservare lo Stinco di Maiale con Patate all'interno di un contenitore ermetico riposto in frigorifero per un massimo di due giorni.

Lascia un commento