Come Usare l’Alga Nori in Cucina, Proprietà e Benefici

L’alga nori è una delle alghe più conosciute ed è legata alla cucina giapponese. Ricca di proprietà nutritive e benefici, vediamo insieme tutte le caratteristiche dell’alga nori, i suoi utilizzi e le forme in commercio da usare in tanti piatti dal sapore orientale.

Alga Nori Fogli

L’alga nori è un’alga largamente utilizzata per preparare piatti della cucina giapponese. Grazie al maggior interesse che questa tradizione culinaria asiatica ha suscitato in Italia, oggi moltissime persone si cimentano spesso nelle ricette che prima gustavano solo nei ristoranti giapponesi.

L’alga nori è la più conosciuta tra le alghe impiegate in cucina. Ma quali sono le sue proprietà nutritive e quali i suoi benefici? In questa guida vi forniremo tutte le informazioni utili sulla coltivazione e la lavorazione di questa alga, vedremo i suoi utilizzi in cucina e in quali forme è possibile acquistarla.

Cos’è l’Alga Nori

L’alga nori è un’alga rossa proveniente dall’Asia orientale, diffusa principalmente in Giappone, dove viene coltivata già a partire dal XVII secolo. Il suo nome scientifico è Porphyra tenera o Porphyra yezoensis e appartiene alla famiglia delle rodoficee.

Chiamata ‘lattuga di mare‘, l’alga nori viene utilizzata molto nella cucina giapponese, soprattutto per la preparazione dei Sushi Maki.

Caratteristiche dell’Alga Nori

L’alga nori cresce a macchie, attaccata agli scogli o alle reti di coltivazione. I suoi talli hanno una forma allungata, un colore verde brillante con sfumature più chiare nella parte mediana e un bordo frastagliato.

Coltivazione e Lavorazione dell’Alga Nori

L’alga nori viene coltivata sui fondi fangosi delle baie, lungo la costa, nel periodo autunnale. Vengono creati dei graticci con canne di bambù a cui vengono legate delle reti sospese in cui sistemare le spore di alga nori coltivate sulla spiaggia in appositi contenitori. L’altezza ideale per sistemare le reti è tale da permettere all‘alga nori di fuoriuscire completamente dall’acqua durante la bassa marea (in modo da ricevere la luce diretta del sole) ed esserne immersa completamente durante l’alta marea.

Una volta che i talli sono abbastanza grandi vengono raccolti, lavati in mare e tagliati in piccoli pezzi, per poi essere lavorati con un macchinario apposito che li riduce in poltiglia e trasferiti all’interno di contenitori metallici dove si seccheranno in fogli. Questi verranno poi classificati a seconda della qualità.

Alga Nori Disidratata

Varietà dell’Alga Nori

L’alga nori si diversifica in più di diecimila varietà, ma le più utilizzate e conosciute sono 7, coltivate e utilizzate anche insieme per creare i fogli.

Valori Nutrizionali dell’Alga Nori

L’alga nori contiene al suo interno numerosi nutrienti vantaggiosi per il nostro organismo.

Valori nutrizionali per 100 gr di Alga Nori fresca
Calorie279 Kcal
Proteine24,2 gr
Grassi1,4 gr
Carboidrati58 gr
Fibre25,2 gr
Tiamina0,37 mg
Riboflavina1,79 mg
Vitamina C11,6 mg
Vitamina A263 mg
Calcio230 mg
Fosforo474 mg
Sodio3300 mg
Potassio3140 mg
Magnesio623 mg
Rame1,7 mg
Zinco1,7 mg
Ferro10,5 mg
Manganese1,6 mg

Come si evince dalla tabella l’alga nori è un alimento a bassissimo contenuto calorico, con una discreta dose proteica ed edibile al 75% del suo peso, il rimanente 25% è composto dal buon contenuto di fibre solubili.

I grassi sono rappresentati dagli acidi grassi polinsaturi (omega3). L’alga nori fresca è ricca di vitamine, tra cui la C che purtroppo nel processo di lavorazione ed essiccazione viene perduta. Contiene anche un buon apporto di oligoelementi essenziali tra cui spiccano in particolar modo il calcio, il fosforo, il magnesio e il ferro.

Come tutte le alghe è un’importante fonte di iodio. L’alta percentuale di sodio si disperde in parte durante la lavorazione, ma il prodotto finito ha ancora una forte sapidità.

L’Alga Nori e la Vitamina B12

Secondo numerosi studi la biodisponibilità di vitamina B12 nelle alghe essiccate è praticamente nulla, ma alcune evidenze scientifiche hanno dimostrato che nel caso specifico dell’alga nori, la vitamina B12 sia presente, ben assorbibile, e attiva dal punto di vista metabolico.

Vista la carenza di vitamina B12 nella dieta vegana e vegetariana, il consumo di alga nori (in assenza di controindicazioni) viene caldamente consigliato alle persone che adottino questi regimi dietetici.

Alga Nori Croccante

Benefici dell’Alga Nori

Grazie ai numerosi nutrienti che l’alga nori contiene, il suo consumo abituale apporta numerosi benefici, che in aggiunta a una dieta sana e un po’ di movimento, aiutano a prevenire numerose malattie, garantendo il benessere di cuore e arterie.

  • Proprietà antiaggreganti e antitrombotiche, dovute alla presenza di acidi grassi polinsaturi.
  • Aiuta a stabilizzare i livelli di colesterolo nel sangue, grazie all’azione degli acidi grassi (in particolare gli omega3).
  • Contiene circa l’88% del fabbisogno giornaliero di ferro, oltre ad essere ricca di sali minerali.
  • Grazie alla riduzione del colesterolo ad opera degli acidi grassi e della taurina (un amminoacido che agisce proprio sulla regolazione del colesterolo LDL, considerato ‘cattivo’) aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari.
  • Consigliata durante regimi dietetici ipocalorici, per il grande effetto saziante e il suo basso contenuto calorico.
  • Consigliata in caso di malnutrizione per il grande apporto di nutrienti che contiene.

Controindicazioni dell’Alga Nori

La controindicazione più grande nel consumo di alga nori si presenta nel caso di ipertiroidismo, perché la presenza di iodio contenuta all’interno dell’alga, potrebbe peggiorarne il quadro clinico.

Il contenuto dello iodio nell’alga nori è alto essendo un’alga marina e si può riconoscere dalla sua sapidità, che rimane tale anche dopo il lavaggio e la lavorazione.

Il consumo di alga nori dovrebbe essere moderato e discusso con il proprio medico curante, anche in caso di terapie antiaggreganti e antitrombotiche, in quanto le sue proprietà potrebbero amplificare gli effetti dei farmaci.

Usi dell’Alga Nori

Alga Nori Preparazione

Come anticipato l’alga nori viene largamente utilizzata nella cucina giapponese per la preparazione del sushi, ma anche per arricchire e decorare piatti come il Ramen e gli Okonomiyaki, o addirittura come snack. Ma l’alga nori è perfetta anche per arricchire il gusto di un brodo leggero, come il dashi giapponese a base di alga kombu, con cui cuocere piatti a base di pesce o verdure.

Se siete incuriositi dalla Dieta Giapponese, date un’occhiata alla nostra guida!

Altri Utilizzi dell’Alga Nori

L’alga nori è un grande alleato anche in campo estetico. Infatti è possibile trovarla in numerosi impacchi per capelli o in creme e lozioni per il corpo. I suoi numerosi nutrienti arrecano beneficio alla pelle rendendola più elastica e combattono malattie del tessuto adiposo come la cellulite.

Dove Comprare l’Alga Nori

L’alga nori si acquista nei negozi di prodotti orientali, dove in genere è possibile trovarla in diverse forme. Se invece siete interessati solo al classico foglio da 18 cm per lato di alga nori tostata, potrete acquistarla facilmente in qualsiasi negozio bio o nelle grandi catene di supermercati nel reparto di cibo etnico.

Se non avete un negozio di prodotti etnici vicino casa, non temete, l’era della tecnologia ci viene incontro, fornendoci una ampia gamma di siti dove acquistare l’alga nori in tutte le sue forme: il più noto e affidabile è sicuramente Amazon.

Forme in Commercio dell’Alga Nori

L’alga nori può essere lavorata in diversi modi per ottenere dei fogli con cui realizzare i sushi maki, oppure dei fiocchi per insaporire e arricchire i piatti.

Alga Nori in Fogli

Questo tipo di lavorazione dell’alga nori è la più conosciuta in occidente. In questo caso i foglietti sono di colore verdastro e croccanti perché già tostati.

Vengono chiamati sushi nori quando si tratta di fogli interi o kizami nori nel caso in cui i fogli vengano tagliati a striscioline e utilizzati per guarnire piatti a base di pesce o verdure, in modo da renderli immediatamente più sapidi.

Alga Nori in Fiocchi

L’alga nori viene molto apprezzata anche in fiocchi adatti all’ammollo da aggiungere a zuppe, minestre, o piatti a base di pasta e riso.

Prezzo dell’Alga Nori

Il prezzo dell’alga nori varia a seconda della sua qualità (zona di coltivazione e metodi di lavorazione) e dalla qualità del prodotto finale.

Orientativamente per i fogli di alga nori ci sono confezioni di media qualità con 10 foglietti da 18 cm che si aggirano sui 3 euro circa, fino ad arrivare a 30 euro per confezioni da 50 foglietti di alghe di prima qualità.

I fiocchi di alga nori risultano leggermente più cari. Un pacchetto da 100 gr ha un prezzo che va dai 20 euro in su e in genere sono acquistabili solo in negozi di prodotti asiatici oppure on-line.

Come Conservare l’Alga Nori

L’alga nori essiccata teme l’umidità, ecco perché è importante tenerla chiusa in una custodia di plastica per alimenti con chiusura, in un luogo asciutto e al riparo dalla luce diretta.

L’alga nori prima dell’apertura ha una conservazione di 6 mesi. Una volta aperta bisogna consumarla entro 4 settimane.

Curiosità sull’Alga Nori

L’alga nori è uno degli alimenti contraddistinti dal gusto umami, un mix di dolce, salato e acido (rappresentativo della cultura culinaria giapponese) che ha coniato Kikunae Ikeda, professore di chimica all’Università imperiale di Tokyo, nel 1908.

Il responsabile di questo intenso gusto è il glutammato monosodico, di cui l‘alga nori è ricca, e proprio per questo viene utilizzata in prodotti come il gomasio per correggere il sapore e la sapidità dei cibi.

Ricette con l’Alga Nori

Come accennato l’alga nori è utilizzata in moltissime ricette della tradizione giapponese sia per arricchirne il gusto, sia come comodo e pratico modo per non sporcarsi le dita quando si mangia, come nel caso degli Onigiri. Se volete sperimentare alcune ricette giapponesi con l’alga nori nella vostra cucina…