Come Fare lo Yogurt Fatto in Casa

Tutti i metodi per preparare uno Yogurt Fatto in Casa cremoso e ricco. Dall’utilizzo della yogurtiera fino alla preparazione in forno o nella pentola a pressione.

Yogurt Fatto In Casa

Che vogliate preparare uno yogurt normale o uno yogurt greco, in realtà il procedimento è incredibilmente facile. Senza richiedere grandi lavori di preparazione potrete ottenere uno yogurt spesso, cremoso e davvero delizioso. Una volta che avrete provato a realizzarlo non tornerete più ad acquistare lo yogurt industriale. Ma cos’è lo yogurt? Lo yogurt altro non è che un prodotto derivante dalla fermentazione del latte, ottenuto mediante coagulazione acida, ad opera di specifiche colture di batteri. Nello specifico questi batteri si nutrono del lattosio contenuto all’interno del latte, trasformandolo in acido lattico (da qui il sapore acidulo dello yogurt), ecco perché vengono definiti fermenti lattici. Come per ogni ricetta esistono diversi modi per preparare yogurt fatto in casa. È possibile utilizzare per la fermentazione colture di batteri acquistabili in farmacia, oppure utilizzare qualche cucchiaio di yogurt di un precedente lotto che avete preparato o ancora utilizzare uno yogurt industriale. Si può scegliere di usare il latte intero per una resa più cremosa oppure il latte scremato, se desiderate ottenere uno yogurt più liquido, magari da bere. Potete scegliere di acquistare una yogurtiera per il periodo di incubazione oppure utilizzare il vostro forno o la pentola a pressione. Insomma le modalità per realizzare lo yogurt fatto in casa sono molteplici, ma seguendo questa guida passo a passo, sarete in grado di creare uno yogurt ricco, ecologico e soprattutto sano, al costo di un litro di latte.

Perché Fare lo Yogurt Fatto in Casa?

Uno dei principali vantaggi dello yogurt fatto in casa è che non contiene conservanti o additivi, e le sostanze nutritive non vengono perse come potrebbe succedere attraverso una lavorazione commerciale. Lo yogurt fatto in casa è facile da digerire, motivo per cui le persone intolleranti al lattosio di solito possono consumarlo senza difficoltà, e i suoi composti aiutano a stabilizzare la flora intestinale. Contiene un alta percentuale di calcio, magnesio e fosforo (minerali essenziali per ossa sane e forti) e può aiutare a ridurre il colesterolo, promuovendo l’assorbimento dei grassi.

Lo yogurt casalingo contiene la stessa quantità di potassio di una banana e la stessa quantità di proteine di un uovo o di 30 grammi di carne. Quindi è altamente proteico.

Inoltre preparando lo yogurt in casa si compie una scelta ecologica, riducendo così l’utilizzo di imballaggi e i tempi di stoccaggio del prodotto venduto in negozio.

Quali Ingredienti Usare per Fare lo Yogurt Fatto in Casa

La base per ogni ricetta di successo sono gli ingredienti. Per realizzare lo yogurt in casa avrete bisogno solo del latte e della coltura di batteri, quindi assicuratevi che siano di qualità.

Quale Latte Scegliere per Preparare lo Yogurt Fatto in Casa?

Si può scegliere qualsiasi tipo di latte, ma ricordate che più sano sarà il latte scelto, più sano sarà il vostro yogurt. Il latte crudo rappresenta la scelta migliore, ma si può optare anche per il latte fresco acquistabile in negozio nel banco frigo. Se non temete le calorie potrete optare anche per un latte che non sia stato omogeneizzato, ovvero a cui non sia stata prelevata la panna. La presenza di questa all’interno dello yogurt darà un gusto più corposo e ricco. È inoltre possibile utilizzare il latte di capra oppure un latte vegetale come ad esempio quello di cocco, o scegliere per un latte vaccino, intero o parzialmente scremato, a seconda della cremosità che vorrete nel risultato finale. Qualunque sia il latte che decidiate di usare, è importante che leggiate l’etichetta assicurandovi che non siano presenti conservanti, coloranti o aromi artificiali, che andrebbero a rendere meno sano il vostro yogurt e con un gusto decisamente più scadente.

Tipi Di Latte Yogurt Fatto In Casa

Quale Yogurt Scegliere per Attivare la Fermentazione?

Lo yogurt può provenire sia da un lotto precedente (se si è già preparato dello yogurt fatto in casa) oppure può essere uno yogurt acquistato in negozio, facendo attenzione che non sia zuccherato e che sia di qualità. È inoltre possibile utilizzare una cultura per yogurt acquistabile in farmacia, ma senza dubbio l’utilizzo di yogurt derivante dalla preparazione dei propri lotti risulta più facile e meno costoso.

Come Preparare lo Yogurt in Casa con la Yogurtiera

Sicuramente comoda, con bassi consumi e di tendenza, l’utilizzo della yogurtiera per preparare lotti di yogurt casalingo, ha iniziato a spopolare negli ultimi anni. Preparare lo yogurt in questo modo è semplice e comodo, visto che la macchina garantisce una calore costante per tutta la durata dell’incubazione, senza paura degli eventuali sbalzi termici che potrebbero inficiare il processo. Per prima cosa dovrete riscaldare il latte facendogli sfiorare il bollore, per assicurarvi di eliminare eventuali colonie di batteri che guasterebbero lo yogurt. Poi attendete finché non si intiepidisce (la temperatura deve essere al di sotto dei 40 gradi) e unite circa sei cucchiai di yogurt per ogni litro di latte. Mescolate e ponete la miscela all’interno della vostra yogurtiera. Accendetela seguendo le istruzioni della casa produttrice e attendete 8 ore prima di estrarre il vostro yogurt. A questo punto potete decidere di addolcire o arricchire con diversi ingredienti lo yogurt, oppure di tenerlo al naturale. Ponete in frigo i vasetti e attendete 4 ore prima di consumarlo.

Yogurtiera Macchina Yogurt

Quale Yogurtiera Comprare per Fare lo Yogurt Fatto in Casa

Esistono svariati modelli di yogurtiere, ma ci sono caratteristiche fondamentali a cui non bisogna rinunciare quando si procede nella scelta all’acquisto. Il periodo di incubazione dello yogurt è molto delicato, quindi assicuratevi di scegliere una yogurtiera che abbia un’ottima stabilità, magari fornita di piedini in gomma che ne aumentino l’attrito sul piano di lavoro. Inoltre è necessario che il rivestimento, in metallo o plastica dura, sia di buona qualità, in modo da ridurre al minimo eventuali vibrazioni che potrebbero turbare il processo di fermentazione. Anche le funzioni possono fare la differenza. Se scegliete un modello di ultima generazione con display digitale e autospegnimento, sicuramente l’investimento iniziale sarà più alto, ma sarete anche in grado di realizzare svariate ricette oltre allo yogurt (come ad esempio formaggi freschi) che con le yogurtiere base non è possibile ricreare. Ma le yogurtiere base hanno un grande vantaggio: oltre ad essere semplicissime da usare hanno anche un wattaggio molto basso (in genere di 15 watt), necessario solo a mantenere una temperatura costante durante il periodo di incubazione.

Ovviamente i modelli che permettono di realizzare formaggi e altre preparazioni necessitano di un wattaggio maggiore. Infine un altro aspetto importante da tenere in considerazione quando si acquista una yogurtiera sono i vasetti. Di solito le yogurtiere hanno in dotazione 7 vasetti da circa 160 ml di capienza, sono in vetro e hanno il tappo in plastica. L’unico accorgimento per quanto riguarda i vasetti è assicurarsi che la chiusura sia buona, in modo da conservare al meglio il vostro yogurt una volta riposto in frigorifero. Se i vasetti presentano poi uno spazio dedicato alla scrittura della data di scadenza, la comodità sarà maggiore.

EasiYo: Cos’è e Come Funziona?

Easiyo Yogurtiera

EasiYo è una linea di prodotti dedicati alla preparazione dello yogurt casalingo. Sul loro sito è possibile trovare preparati liofilizzati per la preparazione dello yogurt e la loro yogurtiera dedicata, grazie alla quale in soli 3 step si può realizzare uno yogurt liscio e cremoso. Ecco come si procede.

  1. Aprite la yogurtiera EasiYo e per prima cosa versate nel barattolo in dotazione un paio di bicchieri di acqua potabile. Poi aggiungete il contenuto di una busta di yogurt in polvere della loro linea, scegliendo tra le varianti di gusti. Chiudete il coperchio e shakerate. Aprite il barattolo, aggiungete acqua fino a circa 5mm dal bordo e scuotete di nuovo.
  2. Mettete sul fondo della yogurtiera il distanziatore in plastica e aggiungete acqua bollente fino a raggiungere il livello segnato (ovvero ricoprendo interamente il distanziatore in plastica). Posizionate il barattolo con la miscela per lo yogurt all’interno della yogurtiera e sigillate con il coperchio.
  3. Non vi resta che attendere 8 ore e lo yogurt, aromatizzato o al naturale, sarà pronto per essere refrigerato per qualche ora in frigo prima del consumo.

La linea EasiYo è priva di coloranti artificiali o conservanti, permettendo di preparare uno yogurt casalingo in diversi gusti in maniera più semplice e rapida, senza rinunciare alle buone qualità di questo alimento sano. In Italia il modo più facile per acquistare i prodotti di Easyio è tramite QVC.

Come Preparare lo Yogurt in Casa Senza la Yogurtiera

Se non si dispone di una yogurtiera, è possibile preparare lo yogurt in casa in diversi modi, senza diminuirne la qualità e utilizzando strumenti comunemente presenti in ogni cucina. Vediamo come!

Come Preparare lo Yogurt Usando il Forno

Scaldate il latte facendogli sfiorare il bollore, e successivamente fatelo raffreddare al di sotto dei 40 gradi, in modo che le colture di batteri che andrete a inserire per preparare il vostro yogurt, non risentano della temperatura troppo alta. A questo punto aggiungete la vostra coltura o il vostro yogurt (rispettando sempre i rapporti tra latte e yogurt aggiunto), mescolate e inserite il composto all’interno dei vasetti. Preriscaldate il forno a 40/45 gradi, inserite i vasetti e lasciate in incubazione per 7-8 ore, controllando che il forno mantenga sempre una temperatura costante. Infine riponete i vasetti in frigorifero e refrigerate per almeno 4 ore.

Come Preparare lo Yogurt Usando la Pentola a Pressione

Procedete come indicato sopra per quanto riguarda la preparazione degli ingredienti. Una volta realizzata la miscela di latte e yogurt, ponetela all’interno dei vasetti. Mettete circa 500 ml di acqua sul fondo della pentola, in modo da farle raggiungere la pressione. Sigillate la pentola a pressione e collocatela su fiamma vivace fino a quando la valvola di sfiato inizierà a fischiare avvertendovi di aver raggiunto la pressione. A questo punto spegnete la fiamma, fate uscire il vapore attraverso la valvola di sicurezza e procedete aprendo il coperchio e svuotando dall’acqua la pentola a pressione. Posizionate i vasetti all’interno della pentola a pressione, sigillate nuovamente il coperchio e attendete circa 8 ore. In questo caso la pentola a pressione fungerà da incubatrice per il vostro yogurt mantenendo una temperatura costante. Passato il tempo di incubazione riponete i vasetti di yogurt in frigo per almeno 4 ore prima di consumarlo.

Come Preparare lo Yogurt Greco

Per realizzare lo yogurt greco, quindi più spesso e cremoso, sarà necessario colare per qualche ora lo yogurt prodotto dopo la fermentazione attraverso una garza a uso alimentare con maglie strette. Per farlo prendete un recipiente in cui posizionare un colino. Foderate il colino con la garza e versateci dentro lo yogurt, lasciandolo filtrare. A seconda dello spessore e della cremosità che si desidera raggiungere, bisognerà variare le ore di filtrazione dello yogurt. Se desiderate uno yogurt greco molto denso, è consigliabile lasciarlo filtrare per almeno 4 ore, molto dipenderà anche dalla misura delle maglie della garza. Passato questo tempo avrete ottenuto un cremoso yogurt greco e un sottoprodotto, raccolto nel recipiente sottostante: il siero del latte.

Yogurt Greco Fatto In Casa

Come Utilizzare il Siero del Latte

Il siero del latte è un sottoprodotto derivante dalla filtrazione dello yogurt. Più tempo si lascia a filtrare lo yogurt maggiore sarà la quantità di siero di latte ottenuta. Il latte contiene due tipi di proteine: la caseina e il siero del latte. La maggior parte della caseina finisce nello yogurt mentre il siero del latte è il sottoprodotto liquido, contenente lattosio e proteine. E sono proprio le proteine a renderlo prezioso. Ma come si può utilizzare questo siero del latte? Ecco alcune idee:

  • Usatelo al posto dell’acqua nella preparazione di brodi o zuppe per renderli più ricchi.
  • Usatelo al posto dell’acqua per la preparazione del pane o delle torte.
  • Aggiungetelo ai vostri frullati per renderli proteici.
  • Se avete un orto, e state coltivando verdure che richiedono un livello più alto di acidità del suolo (ad esempio i pomodori) potete usarlo per abbassare il livello di pH del terreno.

Come Utilizzare lo Yogurt nelle Ricette

Le idee sono quasi infinite ed è possibile sbizzarrirsi in più combinazioni. Eccovi alcuni esempi:

  • Per una colazione o uno spuntino sano e sfizioso, aggiungete frutta fresca (ad esempio mezza mela) al vostro yogurt insieme a una spruzzata di cannella, un filo di miele o dello sciroppo d’acero.
  • Frullate lo yogurt con pezzetti di frutta congelata, noci, burro di arachidi, e mezzo bicchiere di siero del latte per creare un frullato proteico.
  • Usate lo yogurt come salsa base a cui aggiungere spezie a piacere, da accompagnare a preparazioni salate, come patatine, pane o verdure crude. Aggiungendo aglio fresco, cetriolo grattugiato e prezzemolo realizzerete un’ottima salsa tzatziki.
  • Usatelo al posto della maionese per realizzare la salsa ranch o altre creme d’accompagnamento.
  • Potete usarlo per sostituire la panna acida e il latticello in prodotti da forno come torte, muffin e frittelle.
  • Provatelo al posto della maionese nell’insalata con uovo e tonno, o in quella con petto di pollo e patate lessate.
Yogurt Fatto In Casa Nel Barattolo

Quante Calorie ha lo Yogurt Fatto in Casa?

Il numero di calorie e il contenuto di proteine presenti nel prodotto finale dipenderanno dal tipo di latte scelto e da quanto siero di latte è stato rimosso nel processo di filtrazione dello yogurt. Ovviamente essendo lo yogurt un prodotto finale concentrato degli ingredienti lattiero-caseari, conterrà necessariamente più calorie a seconda della sua densità.

Quanto si Conserva lo Yogurt Fatto in Casa?

Conservandolo in frigorifero è possibile consumare il vostro yogurt fino a un massimo di una settimana dalla preparazione. Tenete conto che il suo sapore potrebbe intensificarsi con il passare dei giorni visto che la fermentazione è un processo attivo che può durare anche a basse temperature. Se avete intenzione di utilizzare dello yogurt fatto in casa per realizzarne un nuovo lotto, prelevate la quantità di yogurt che vi serve entro cinque giorni dalla preparazione, in modo che i batteri abbiano maggiore vitalità. È possibile congelare lo yogurt preparato fino a 6 mesi.

Lascia un commento