Come Friggere e i Consigli per una Frittura Perfetta

Tutte le Regole, i Consigli, i Trucchi e le Alternative per Friggere in Casa in modo sano, facile e veloce.

I cibi fritti sono tra i più amati da grandi e piccini. Se anche voi amate il fritto (o dovete cucinarlo per qualcun altro) sicuramente vi siete chiesti almeno una volta nella vita come friggere alla perfezione in casa, magari anche friggendo senza puzza!

Se pensate che sia impossibile, oggi scoprirete che non è così: vedremo insieme come friggere correttamente, senza odori e in modo sano! Non scopriremo solamente tutti i trucchi, i consigli e i segreti per friggere in modo perfetto, ma anche le alternative alla frittura con l’olio.

Partendo da cos’è la frittura e passando attraverso tutti gli step per friggere al meglio, scopriamo insieme Come Friggere e i Consigli per una Frittura Perfetta!

Cos’è la Frittura

La Frittura è un metodo di cottura tra i più amati e consiste nel cuocere un alimento in una sostanza di origine grassa, come il Burro o l’Olio, portata a temperatura estremamente elevata. I grassi in cui un alimento può essere fritto sono sia di natura animale che di natura vegetale, anche se solitamente è preferibile utilizzare i grassi vegetali.

Le Regole e i Trucchi per Friggere

Ci sono alcune semplicissime regole da seguire per friggere in modo perfetto gli alimenti e gustarsi una frittura saporita, croccante e perfetta. Insieme a queste indicazioni, vi suggeriamo anche alcuni trucchi per ottenere un fritto perfetto in modo facile e veloce!

Come Preparare i Cibi da Friggere

Gli alimenti si possono friggere sia così come sono che ricoperti da altri ingredienti. Nel primo caso, è bene asciugare bene gli alimenti da friggere prima di immergerli nell’Olio, altrimenti potrebbero causare fastidiosi schizzi. Solitamente si friggono “al naturale” solamente alcuni tipi di ingredienti (come ad esempio le Patate) perché ad alte temperatura alcuni cibi tendono a sfaldarsi. In alcuni casi i cibi possono essere precedentemente cotti in un altro modo e successivamente fritti, per evitare appunto che si sfaldino durante la frittura.

Nel secondo caso invece, si possono utilizzare vari ingredienti. I più comuni sono la Farina Bianca o la Pastella, che vi permettono di creare una Frittura semplice. Per ottenere un risultato più croccante invece, è possibile creare una Panatura passando un alimento prima nella Farina Bianca, poi nell’Uovo sbattuto e infine nel Pangrattato. Questi sono i più comuni, ma esistono davvero tantissimi altri modi di ricoprire un alimento per friggerlo.

È importante però ricordare che per ottenere una frittura perfetta è assolutamente bandito il Sale! Questo ingrediente, inserito nella Panatura, nella Pastella oppure spolverizzato sugli alimenti da friggere, attira verso di sé l’acqua contenuta agli interno degli ingredienti, causando un fritto molliccio e facendo staccare la Panatura. Il Sale si può aggiungere solamente a fine frittura, anche se è ovviamente possibile evitarlo.

Che Padella Usare per Friggere

Per friggere al meglio sarebbe opportuno utilizzare una friggitrice, ma non tutti l’hanno in casa oppure ci sono situazioni in cui non possiamo utilizzarla (per esempio se siamo in vacanza). In questo caso potete utilizzare una padella comune, a patto che sia di ferro o di acciaio, piatta e con i bordi alti. In questo modo l’Olio si scalderà più uniformemente. Perfetta per friggere è anche la pentola wok, sempre più diffusa nelle case e ideale per cuocere diversi tipi di cibi.

Che Olio Usare per Friggere

Come vi abbiamo anticipato, è bene preferire i grassi vegetali rispetto a quelli animali, a meno che non sia espressamente indicato nella ricetta. Questo perché gli Oli in generale si degradano meno ad alta temperatura rispetto, ad esempio, al Burro o allo Strutto. Eppure anche gli Oli non sono certo tutti uguali, anzi, ognuno di essi presenta un punto di fumo diverso. Il punto di fumo è un dato estremamente importante perché indica fino a che temperatura un Olio mantiene le sue caratteristiche originali: oltre a questa temperatura, l’Olio inizia a decomporsi e a rilasciare sostanze negative.

Come potrete quindi ben immaginare, gli Oli migliori per friggere sono quelli con un punto di fumo molto elevato. Eccovi quindi tutti i punti di fumo degli Oli più comuni:

Tipo di OlioPunto di Fumo
Olio di Girasolemeno di 130°C
Olio di Soia130°C
Olio di Mais160°C
Olio di Cocco177°C
Olio di Arachide180°C
Olio Extravergine d’Oliva210°C
Olio di Palma Raffinato240°C

Ovviamente i valori indicati nella tabella possono variare in base alla raffinazione dell’Olio, alla lavorazione e alla varietà degli ingredienti contenuti. In linea di massima, gli Oli più raffinati hanno un punto di fumo maggiore rispetto a quelli non raffinati, per cui sono più adatti alla frittura.

È bene ricordare anche che il punto di fumo può notevolmente diminuire (ovvero avvenire ad una temperatura più bassa) nel caso in cui l’Olio non sia conservato correttamente oppure quando è già stato utilizzato per friggere.

In commercio si possono trovare particolari miscele di Oli che consentono un punto di fumo estremamente elevato. Sono chiamati solitamente con il nome di Olio per Friggere e sono i più indicati per la frittura.

Quanto Olio Utilizzare per Friggere

Molti pensano che utilizzando poco Olio per friggere, gli alimenti risulteranno più leggeri. Niente di più sbagliato! Per ottenere una frittura perfetta, croccante e (nei limiti) più leggera, è necessario utilizzare tanto Olio, in modo che gli alimenti ne siano completamente avvolti. In linea di massima di dovrebbe utilizzare una quantità di Olio dieci volte superiore il peso degli alimenti da friggere. Questo significa che se dovete friggere 1 kg di Frittelle, dovrete utilizzare un litro di Olio e cuocere le Frittelle 100 grammi per volta.

La Temperatura dell’Olio per Friggere

La temperatura dell’Olio perfetta per friggere è tra i 160°C e i 180°C, raramente può essere di meno e mai dev’essere di più. Per controllare che la temperatura dell’Olio sia ideale vi consigliamo di utilizzare un termometro per alimenti. Se non avete a disposizione un termometro alimentare (o volete comunque fare una verifica della temperatura dell’Olio) vi basta semplicemente buttare nell’Olio un pezzettino di Crosta del Pane: se inizia a sfrigolare, l’Olio è alla temperatura corretta.

Ecco un’indicazione generale della temperatura dell’Olio per alcuni degli alimenti che solitamente si friggono:

Alimento da FriggereTemperatura dell’Olio
Verdure, Pesci di Grande Dimensione, Dolci e Prodotti Lievitati (Dolci, Crescentine, Gnocco Fritto, ecc)150°C
Alimenti Infarinati, Impanati o Pastellati160°C-170°C
Piccoli Pesci (Infarinati)180°C

In linea di massima si può seguire la tabella qui sopra, anche se solitamente la temperatura dell’Olio è opportunamente indicata nella ricetta.

Quando Cibo Si Può Friggere per Volta

Friggere gli alimenti un po’ alla volta è fondamentale per ottenere un fritto davvero perfetto. Innanzitutto i cibi devono avere lo spazio adeguato per poter cuocere in modo uniforme ed essere girati. In secondo luogo, aggiungere in padella troppi pezzi causa inesorabilmente un abbassamento della temperatura dell’Olio, rovinando la vostra frittura.

Come abbiamo già anticipato, il nostro consiglio è di friggere circa 100 grammi di cibo per volta, utilizzando circa un litro di Olio. Ovviamente questa quantità può variare a seconda della dimensione della padella che state utilizzando. In ogni caso, potete monitorare la temperatura dell’Olio sempre utilizzando un termometro alimentare da cucina.

Cuocendo gli alimenti un po’ alla volta permetterete al cibo di cuocere uniformemente, formando una gustosa e croccante crosticina interna. Allo stesso modo nel caso di cibi impanati, infarinati o pastellati, otterrete degli alimenti perfettamente cotti dentro e croccanti fuori.

Dopo la Frittura

Una volta fritto il cibo, si consiglia sempre di toglierlo dall’Olio utilizzando una schiumarola, per poi depositare gli alimenti su della carta assorbente da cucina o della carta paglia per fritti. In questo modo riuscirete a rimuovere l’Olio in eccesso dai vostri cibi.

Man mano che procedete con la frittura, conservate i cibi già fritti in un luogo caldo, ma asciutto. L’ideale sarebbe preriscaldare il forno, poi spegnerlo e conservarci il cibo fritto, avendo cura di non chiudere lo sportello per evitare che gli alimenti diventino mollicci.

Quante Volte Utilizzare lo Stesso Olio per Friggere

Il nostro consiglio per una frittura sana e salutare è solo uno: mai utilizzare lo stesso Olio per friggere! E men che meno aggiungere l’Olio già utilizzato a dell’Olio nuovo. Ne va della vostra salute: non rovinatela per risparmiare qualche euro!

Come Friggere Senza Odore

Per friggere senza puzza l’ideale sarebbe utilizzare una friggitrice, meglio se dotata di filtro antiodore. Ma se non l’avete a disposizione, ci sono alcuni trucchi per friggere senza creare cattivi odori.

Se è possibile, friggete con le finestre aperte e con la cappa aspirante al massimo. Per non far puzzare i capelli, potete indossare una cuffia di plastica oppure un foulard. Ovviamente vi consigliamo di utilizzare dell’abbigliamento che poi andrete immediatamente a lavare.

Uno dei rimedi della nonna consiste nel far bollire accanto alla pentola in cui state friggendo un composto a base di Acqua e Aceto oppure di Acqua e Chiodi di Garofano. Un trucco molto antico per non puzzare di fritto è invece quello di aggiungere delle fettine di Mela nell’Olio e procedere normalmente con la frittura.

Come Evitare gli Schizzi di Olio

Per friggere senza schizzi potete utilizzare un comune paraschizzi oppure appoggiare uno scolapasta di acciaio sulla pentola, posizionandolo al contrario.

Un trucco per evitare gli schizzi di Olio durante la frittura è quello di far scaldare la pentola, cospargerla con un pizzico di Sale e solo successivamente versarci l’Olio.

Come Friggere Senza Olio

Friggere senza Olio è possibile, ma ovviamente il risultato finale sarà differente. Se non volete assumere fritto, vi consigliamo di valutare l’utilizzo del forno: spesso di una stessa ricetta ne esiste anche una versione che potete preparare al forno. Altrimenti ci sono dei metodi alternartivi che vi illustriamo qui di seguito.

Friggere con la Friggitrice ad Aria

Sempre più diffuse è la friggitrice ad aria, un elettrodomestico che vi permette di cuocere gli alimenti che solitamente si friggono semplicemente attraverso l’aria calda. Un po’ come il forno, permette una frittura più sana e senza grassi.

Friggere con la Cottura Assoluta

La cottura assoluta, chiamata anche tecnica del fritto non fritto, è un metodo di cottura che appartiene alla cucina molecolare e che permette di friggere un alimento utilizzando il Glucosio in polvere, uno Zucchero naturale derivato dall’Uva che si utilizza spesso in pasticceria e che si può acquistare nei supermercati più forniti, nei negozi specializzati in prodotti di pasticceria e in alcune farmaci.

Questo Glucosio ha delle proprietà che lo portano a fondere naturalmente a 160°C (quindi senza l’aggiunta di acqua), ma a non caramellare fino a 190°C. Questo significa che è un ingrediente perfetto per friggere, dato che per innescare la famosa Reazione di Maillard la temperatura dev’essere superiore ai 140°C.

Ma bisogna prestare molta attenzione perché friggere con il Glucosio ha anche delle controindicazioni: utilizzare questo tipo di Zucchero per Friggere è sconsigliato in caso di diabete a causa di un possibile aumento della glicemia. Nello stesso modo, se cercate un alternativa per friggere in modo light vi consigliamo di utilizzare il forno o la friggitrice ad aria.

Commenti

o per poter Commentare.

Come Pulire le Ostriche