La Vera Storia della Carbonara

In onore del Carbonara Day scopriamo l'origine della Pasta alla Carbonara!

La Carbonara è uno dei piatti italiani più amati all’estero, ma non solo: secondo l’Accademia Italiana della Cucina, la Pasta alla Carbonara è la più “falsificata” tra tutte le ricette italiane all’estero! Numerosissime sono infatti le varie versioni della Carbonara che possiamo trovare all’estero, ma la ricetta originale della Pasta alla Carbonara è solo una!

Oggi però, in occasione del #CarbonaraDay che si celebra il 6 Aprile, non scopriremo come preparare la perfetta Pasta alla Carbonara, ma vedremo la storia di questo piatto che è uno degli orgogli italiani nel mondo! Vi anticipiamo subito che ci sono parecchie storie discordanti riguardo all’origine della Carbonara e noi abbiamo deciso di raccontarvi le più verosimili, quindi iniziamo subito!

Secondo la tradizione romana la Carbonara nasce come piatto principale della giornata lavorativa dei carbonai. Per affrontare le fatiche di un lavoro così duro i carbonai avevano bisogno di un piatto sostanzioso e ricco di energie, per cui aggiunsero alla ricetta del Cacio e Ova, tipico piatto di origini laziali e abruzzesi, il guanciale. Il pepe poi serviva per conservare più a lungo il guanciale, per cui il piatto ne era particolarmente ricco.

Secondo un’altra teoria invece la Carbonara non è propriamente un piatto totalmente italiano: durante la seconda guerra mondiale i soldati americani in Italia, un po’ per la mancanza di casa e un po’ per affinità di sapori, si cibavano spesso di Uova e Pancetta, ingredienti con cui solitamente si usa far colazione negli Stati Uniti. Dopo la liberazione di Roma nel 1944 le razioni di cibo scarseggiavano e gli unici alimenti reperibili erano le razioni militari distribuite dagli alleati e composte appunto da uova in polvere e bacon. Per rendere il piatto più sostanzioso, alcuni cuochi unirono il tutto agli spaghetti e da qui nacque la Pasta alla Carbonara. Effettivamente nel manuale di cucina romana di Ada Boni edito nel 1930 la ricetta della Carbonara non appare e questo piatto non è nemmeno nominato.

Un’ulteriore ipotesi, molto simile, colloca la nascita della Carbonara a Napoli. Anche in questo caso pare che i soldati americani arrivarono a Napoli e iniziarono a distribuire razioni di cibo contenenti, tra le altre cose, uova in polvere e bacon. I napoletani, già abituati ad aggiungere ad alcune pietanze in post-cottura un composto sbattuto di uova, formaggio e pepe, aggiunsero questi ingredienti ai maccheroni ed inventarono la famosa pasta. Ma da dove deriva in nome Carbonara? Semplice, da Via Carbonara a Napoli, luogo dove erano situati il quartier generale americano ed il centro di distribuzione delle razioni.

L’ultima teoria afferma che la Carbonara sia stata inventata da Renato Gualandi nel 1944, cuoco bolognese che la creò per accontentare i gusti dei soldati americani, già abituati a mangiare bacon e uova per colazione, in occasione della liberazione di Riccione. Inoltre il bacon inglese, il rosso d’uovo liofilizzato e la pasta italiana erano gli unici ingredienti reperibili sul territorio in tempo di guerra.

Ognuna di queste storie sembra verosimile, ma non sappiamo di preciso quale sia quella vera. Ci piace pensare però che ognuno dei soggetti coinvolti cerchi di appropriarsi della paternità della Carbonara perché è uno dei piatti più famosi del mondo e questo non può che rendere ogni italiano orgoglioso! 

Carbonaraday